COME CI VESTIAMO LA PROSSIMA STAGIONE?

8 Set

Di questa estate non avremo un gran ricordo.
Il cambio stagione degli armadi è rimasto a metà via tra l’autunno e la primavera con qualche cassetto riservato ai costumi. Per non parlare del golfino sempre utile nelle serate frescoline. Non vogliamo farci cogliere impreparati dal prossimo acquazzone che porterà le temperature a 13 gradi, vero?
L’estate è iniziata tardi e quando sono cominciati i saldi a me non è venuta voglia comprare ne’ una canotta di pizzo ne’un mini shorts da mare. Sono rimasta sempre proiettata a settembre. Alle nuove tendenze.
Come ci vestiremo?
Si torna agli Anni Quaranta questa stagione: tailleur ricavati da abiti maschili. Anche la borsa trova ispirazione dagli anni Cinquanta nel modo di indossarla: ben stretta al petto per tenere chiusi gli enormi soprabiti che, ieri come oggi, contengono, esuberanti, i volumi degli cocktail dress a clessidra.
La mimetica sembra la grafica giusta per affrontare il caos della frenetica giungla urbana e si porta bene sia su capispalla che su felpe e maglieria.
Che dire delle fioriture invernali? Potrebbero sembrare non adatte alla stagione, se non fosse per i colori caldi autunnali delle stampe che vengono proposte, richiamando vecchie tappezzerie di un altra epoca.
Il bianco e nero rimane un must. Proprio non combinare alcun colore e mantenere negli outfit questa “non identificabilità” rende questi due intramontabili colori innovativi ed estremamente piacevoli.
Il prossimo inverno il color blocking, che da qualche stagione fa parte delle proposte stilistiche, si tinge del razionale colore blu. Facile l’abbinamento con altri tinte a contrasto come il nero o il già citato black&white.
Per i momenti spirituali di ciascuno, le tendenze richiamano stampe che possiedono un fascino mitologico e religioso : ci sono sia simboli cristiani come le rappresentazioni di Cristo, sia esoterici come il terzo occhio, o motivi non meglio specificati ma altrettanto ispiranti come paesaggi mistici.
Tartan per tutti! Il tartan è uno dei disegni invernali per eccellenza e ogni stagione si cerca di darne una nuova chiave di lettura. Questa volta la reinterpretazione passa da dimensioni sproporzionate, l’uso del motivo in diagonale, piazzando o decostruendolo e attraverso stampe spalmate lucide.
Infine. Non importa quale animale si scelga, l’importante è che se ne scelga uno. Impensabile rinunciare per l’inverno prossimo a un qualsiasi motivo maculato, che può essere vero, stampato su cavallino o addirittura una maglieria ad intarsi. In ogni caso l’animalier c’è, eccome se c’è!

ANNI 40FIORITURA INVERNALETARTAN PER TUTTI I GUSTI
BLU BLOCKING

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

The Spots Hunter

Saves the right places

Amù

Art Moves the World

Barbara Stella-MAKE UP ARTIST-

consulenza d'immagine e make up

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

CookieBeauty

beauty by yourself.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: