Tag Archives: Avenida 186

TI SENTI UNA DAMA?

17 Ott

Un accessorio può dare vitalità a un outfit.
Un accessorio può renderci speciali.
Attenzione che passare dall’essere speciali all’essere ridicoli è un attimo.
Quando voglio un accessorio unico e ho bisogno di sentirmi speciale vado a trovare Antonella di Avenida 186 a Villafranca.
Un paradiso di quasi preziosi.
Eccoli sono loro. Lebole gioielli.
Appena li ho visti, ho pensato fossero perfetti per arricchire un look da primo giorno di scuola.
Ma questa è un’altra storia e ve la racconterò a breve.
Orecchini ispirati all’Oriente sia nelle forme che nei materiali. Il kimono, tradizionale indumento giapponese nonche’ costume nazionale, viene rappresentato e realizzato con frammenti di antichi kimoni in seta. Sono tutti pezzi unici e diversi tra loro, le pietre naturali sono abbinate al colore dei tessuti e sono montate in modo da creare un manichino.
Fantastici. Una interessante collezione che nasce dalla stretta collaborazione tra Nicoletta Lebole e l’artista Paolo Perugini.
resize
Ancor più dei Kimoni, mi hanno stuzzicato le damine con le corone.
WP_005589
Sarà l’influenza dell’ultimo servizio fotografico…fotografare il 700.

Annunci

OBIETTIVO: DARE LUCE!

24 Mag

Quando l’antico e il vintage si incontrano con il moderno e il design, il look si trasforma e si illumina d’incanto…devo aver fatto questo magico pensiero quando ho acquistato lo scorso anno un anello di Arvyl. Lo indossi e non passa inosservato. Quando compro un anello o un bracciale o una collana non mi faccio mai domande. Deve essere amore a prima vista.

379616_10200682224289336_1000594235_n

Adoro quei preziosi che riescono a darti la sensazione di essere unica.
Gioelli originali che danno luce al fascino istintivo di chi li sceglie.
Non solo geometrie e qualità.
Non solo tendenza e ricercatezza.
Sono opere d’arte in miniature.
Il mio ultimo acquisto Arvyl è di gran tendenza: un bracciale blu elettrico che esalta la mia anima rockettara!

Bracciali01
– bracciale INTRECCIO –

Arvyl nasce nel 2007 dal progetto comune di Lara e Vittorio. Lui orafo dall’adolescenza e lei con una decisa inclinazione al marketing. Arvyl è un acronimo dei loro nomi mescolati a quelli dei figli Alberto Yuna e Ryan.
Il piacere di intervistarli e l’onore di averli nel mio blog.

Gioiello e design, un rapporto molto stretto e allo stesso tempo delicato che porta, a volte, a concepire i gioielli come una scultura rendendoli di difficile indosso. Non è il caso dei vostri preziosi, che hanno un design originale e una mettibilità raffinata. Qual è per voi il rapporto tra gioiello e design?
Vittorio pensa e crea sempre con la mentalità dell’orafo, le sue creazioni tengono naturalmente conto delle tendenze e rispondono sempre alle esigenze del mondo femminile, ma l’ispirazione e la realizzazione provengono sempre dal mondo del gioiello.

Anelli13
– Anelli SPUGNA maxi e mini in bronzo con smalti e cristalli –

Le vostre collezioni da cosa sono ispirate?
L’osservazione del mondo circostante e’ fondamentale anche quando sembra distante…per esempio un anello e’ nato da una pigna raccolta in montagna.

Definite il brand con tre aggettivi?
Cura nella realizzazione, eleganza e tendenza.

Come avviene il processo creativo di un gioiello?
Il processo della gioielleria e’ immutato da sempre. Sul nostro sito un filmato lo spiega nel dettaglio , in breve si parte da un disegno, da un primo campione in cera da cui si ricava uno stampo in gomma, il fonditore crea tutti i singoli pezzi attraverso la fusione detta a cera persa, poi il gioiello viene rifinito a mano, messo a misura. Si incassano le pietre o si smalta se il modello lo richiede.

C’è un gioiello cui siete particolarmente affezionati e perchè?
Il modello a cui siamo più legati e’ un anello da mignolo, uno chevalier con l’iniziale del nome, nato per soddisfare la richiesta di un cliente australiano nel 2008 e’ da sempre uno dei modelli più venduti.

Quali materiali usate?
I nostri gioielli sono fatti in bronzo, utilizzando una lega creata appositamente per ottenere un bel colore caldo che ricorda l’oro rosa. Non utilizziamo i bagni galvanici che inevitabilmente vanno via, o che rendono gli oggetti troppo con quell’effetto “bigiotteria”. Basta lavare gli oggetti con acqua e sapone o succo di limone per mantenerli puliti e brillanti. Su richiesta gli oggetti vengono fatti anche in argento 925.

Anelli02
– anello OVALE orizzantale in bronzo con opale sfacettato –

Il prossimo progetto…potete svelarci qualcosa?
Il prossimo settembre parteciperemo nuovamente al macef di milano con una nuova collezione.

Consigli per gli acquisti a Villafranca?
Nel negozio delle meraviglie di Antonella, Avenida 186:

389399_10200682192128532_1877875914_n420290_10200682190768498_1010642687_n481685_10200682193608569_208146283_n

ISTANTANEE DI PRIMAVERA

15 Feb

Poche parole oggi! Non mi resta che aggiornarvi sulle novità modaiole della primavera alle porte.
E’ il momento di pensare “seriamente” al guardaroba primaverile: dovete essere pronte per sfoggiare il vostro look di tendenza.
Ormai mi conoscete, sono una affezionata di alcuni negozi, quelli che sono sempre alla ricerca del nuovo, dell’emergente, del brand che può fare la differenza. L’outfit consigliato, per cominciare: SPORTY CHIC.
La chiave per un perfetto look sporty-chic è la sapiente mescolanza dei classici capi sportivi a un look propriamente femminile, come può essere una giacca oversize su pantaloni morbidi, o un abitino stile tennis abbinato a sandali con tacco aggiungendo. Ancora, casualwear e dettagli da sera si fondono insieme dando vita a un look glamour che non rinuncia per questo al comfort.
Evitate di uscire con la tuta da ginnastica, quella che non dovreste neanche indossare per accompagnare i bambini a scuola.
La felpa è un must di questa primavera…ma felpa con stile!

Un giro per i miei due negozi preferiti, quelli dove trovi “quel dettaglio”, quel capo “interessante” che hai solo tu (o pochi intimi!). Quei negozi dove ti trovi a tuo agio: Avenida 186 per gli accessori, ovviamente.
Dite la verità: aspettavate un negozio di abbigliamento valido, di tendenza e consigliatissimo. TWICE ABBIGLIAMENTO in centro a Villafranca.

Per il vostro look sporty chic:

542726_520099124701688_1021056959_n

426521_520099271368340_1853683413_n

pantaloni colorati S.O.S.

pantaloni colorati S.O.S.

Abito con applicazioni JIJIL

Abito con applicazioni JIJIL

E in fatto di orecchini? MERCANTIA, nuovi arrivi, mai più senza!

19795_10200132620309580_1783479295_n

35464_10200132616669489_1259483622_n

539540_10200132618749541_2511651_n

Per il mio look sporty chic avrò scelto qualcosa? CHissà…

LO VOGLIO ANCHE IO!

28 Gen

Sono sempre alla ricerca di quell’idea in più che può cambiare o dare un tono al look. Tutti a comprare le stesse cose, gli stessi marchi, la stessa borsa. Tutti fedeli ai brand commerciali, pronti a coprirsi in un mix&match incasinato di banalità seppure costose. Tutti attenti all’involucro perchè l’abito fa il monaco, attenti a non avere una sbavatura sull’abito e a rimanere nei limiti del decoro comune. Tutti o forse no. Perchè c’è sempre chi esagera con l’oversize, con il troppo che spacca, con la volgarità, con il lusso che acceca. Alcuni o forse no. Sono sempre stata una fautrice del dettaglio che fa la differenza e la differenza la fa l’accessorio: un jeans, una maglia bianca e poi? cosa ti rende unica? cosa può fare realmente la differenza tra te e un’altra?

Sempre attenta al nuovo, al design, al made in Italy preferibilmente.

Adoro i bijoux o quasi preziosi, non amo l’oro invece. Una collana, un bracciale, un orecchino possono fare la differenza e non agli occhi degli altri! Chissenefrega di come ci vedono gli altri e chissenefrega della moda! Shake your mind and find your style…potrebbe essere lo slogan nella ricerca del dettaglio. C’è una persona che riesce sempre a  sorprendermi, scegliendo quel plus che da vivacità o eleganza o glam  o semplicemente unicità: Antonella, sempre quella di Avenida 186 (per dirla alla carlona!).

Oggi passando nel  negozio, dopo la sua retata al Macef di Milano, ho fotografo qualche novità, una ventata di primavera, una sferzata di energia in questa giornata di bianco candore. Ecco qualche dettaglio che aiuta a fare la differenza:

MERCANTIA, il fluo che ritorna!

MERCANTIA, il fluo che ritorna!

IL BELLO di LUCA, i camei dal design originale

IL BELLO di LUCA, i camei dal design originale

AMELIE, gli orecchini rivelazione: prodotti in Italia con tecniche artigianali.

AMELIE, gli orecchini rivelazione: prodotti in Italia con tecniche artigianali.

Lomogram_2013-01-28_07-53-19-PM

La confezione di AMELIE

La confezione di AMELIE

MARY BIJOUX, orecchini in silicone

ILARY BIJOUX, orecchini in silicone

Lomogram_2013-01-28_07-57-18-PM

Inevitabile…lo voglio anche IO!

Lo confesso ho ceduto alla tentazione…vi presento il mio dettaglio che fa la differenza:

AMELIE.....nella tonalità cielo...che sia il colore della mia anima?

AMELIE…..nella tonalità cielo…che sia il colore della mia anima?

Infine, ultima ventata di novità presto in negozio per chi ama il luccichio nel dettaglio…

LES INTERCHANGEABLES....i bracciali dallo spirito rock and glamour

LES INTERCHANGEABLES….i bracciali dallo spirito rock and glamour

IL REGALO PERFETTO? NON ESISTE.

13 Dic

Cosa regalo a Natale? Cosa regalo per il compleanno?
Una domanda frequente.
Chissà perchè le idee sono sempre un po’ confuse in fatto di regali.
L’acquisto di un regalo dovrebbe essere preceduto da una valutazione personale del destinatario del dono, secondo voi succede sempre così?
Se così fosse, non si spiegherebbe perchè si riceve spesso la solita anonima “cosa”, oppure perchè nella confezione del regalo troviamo Mister “scontrino regalo”, che permette di cambiare i doni sbagliati, inutili o doppi.
Non ci credo che non vi è accaduto, dopo aver scartato i regali di Natale o di compleanno, di aver fatto ‘buon viso a cattivo gioco’ di fronte a quelli orribili, con la conseguenza che ci si ritrova a cercare il modo per trasformare un dono sgradito in denaro (vendita su internet) o a riciclarlo alla prossima festa di compleanno.
Senza quella valutazione personalizzata, per non sbagliare evitate di regalare abbigliamento, profumi e cosmetici, libri. Banditi tutti quegli utensili da cucina, vasi e simili, che i negozi di “tutto stock” o “tutto a partire da 1 euro” hanno in abbondanza.
Rimane gran poco direte!
Se dovete regalare superficialità…ci sono foulards, copertine da divano, cravatte per l’uomo in carriera e smalti rigorosamente Chanel per le donne chic.
Se siete in pieno panico dell’ultimo minuto una graziosa pianta o un mazzo di fiori saranno comunque meglio di nulla, fate solo attenzione al loro significato! Va di gran moda la bottiglia di vino: se non avete idea della differenza che c’è tra una bottiglia di chardonnay e una di syrah non sforzatevi di regalare vino a nessuno: sarà un sicuro insuccesso. Evitate anche coupon e carte prepagate: sono i regali più impersonali e noiosi.
Facendo un giro nel negozio delle meraviglie, Avenida 186, ho fotografato qualche “quasi prezioso”, che sarebbe gradito a chiunque, senza bisogno di fare grandi valutazioni della sua personalità. Orecchini, braccialetti, collane possono essere davvero una valida alternativa al regalo “qualunque”…tutti gli uomini, o quasi, indossano un bracciale, tutte le donne, o quasi, indossano degli orecchini…basta aver osservato bene i vostri destinatari, talvolta un buon occhio non necessita di una forte conoscenza.

Siete ancora indecisi sul regalo da fare?
Cominciate facendo un regalo a voi stessi; una iniezione di autostima ha un potere energizzante….poi potrete concentrarvi meglio sugli altri.

Un braccialetto Cruciani libera da ogni responsabilità, è sicuramente molto gradito, è di gran tendenza, un must di ogni generazione, il prezzo è accessibile…perchè non regalarlo?

Cruciani e Disney...le orecchie over di Topolino sono la novità del Natale 2012

Cruciani e Disney…le orecchie over di Topolino sono la novità del Natale 2012

Per un amico, un partner, un marito…la scelta di HOBO NY è azzeccata. Eleganza e stile in un unico bracciale.

HOBO NY

HOBO NY

Per l’amica del cuore? La collezione “Le Marais” di HOBO NY personalizzerà il suo polso con quel tocco glam, ispirando la voglia di viaggiare, esplorare, scoprire.

Collezione "Le Marais"

Collezione “Le Marais”

Cercate un regalo sofisticato, che abbia la capacità di abbinare preziosità a semplicità? Kurshuni è la risposta.

Kurshuni

Kurshuni

Se poi a voi o alla donna cui dovete fare il regalo piacciono gli orecchini colorati, divertenti, che sdrammatizzano ogni look rigoroso e rendono stiloso ogni outfit impersonale…il brand consigliato? Mercantia.
WP_002808

La mia scelta? Un mix & match…

Kurshuni e Cruciani sui toni del viola e malva

Kurshuni e Cruciani sui toni del viola e malva

UNA BLOGGER ROCKMANTIC!

25 Nov

Oggi è una domenica, una delle tante di questo nuovo anno.

Correva l’anno 2012…dirò tra qualche decennio rileggendo queste pagine.
Una confusione di pensieri, di titoli, di parole che non riescono a trovare l’incasellamento giusto, insomma io sempre pronta a posizionare ogni parola all’interno di un mega cruciverba che è la vita, stamattina il vuoto.
La mia voglia di scrivere di fashion e lifestyle oramai è conosciuta. Sono una blogger credibile? Mi interrogo.
Vi capita mai di pensare di voler uscire dall’ordinarietà dei vostri pensieri? Quanti pensieri che si spintonano maleducatamente per primeggiare l’uno sull’altro e io li lascio fare. In questo caotico Luna Park di parole il mio speciale inchiostro elettronico disegna inopportuni giochi di immagini e vorrebbe forse narrare racconti solo a chi ha tempo per leggerli. Le idee a volte si nascondono timidamente dietro una pagina vuota e rimangono lì ferme per minuti che sembrano durare ore.
E’ in quei momenti che la mia vita si trasforma in una curiosa fotografia dai bordi consumati, una di quelle che raccogli nella cesta dei ricordi. Oggi guardo e riguardo più volte quei contorni rubati e come una impavida fantina cavalco onde di neuroni impazziti che hanno il sapore di luoghi perduti e nomi dimenticati, ma anche il retrogusto di emozioni ancora spietatamente attuali.
Sono una donna che vive di emozioni, la vita, dico sempre, è un megatoast farcito di emozioni, non potrebbe essere diversamente…eppure questi momenti di inerzia mentale mi spaventano, mi allontanano dalla realtà e mi sembra quasi di viaggiare a vista. Sono una romantica perchè mi viene facile descrivere emozioni e storie di vita comune, ma se dovessi traslarmi in un mondo parallelo sarei un’equilibrio tra un gusto anni ’50 e un pizzico di trasgressione: romantici decori con rose civettano con borchie, catene, perline di metallo.
Una collisione tra contrasti si manifesta in look alla Audrey Hepburn che si fondono con l’heavy metal. ROCKMANTIC!
Ho provato a giocare con un look dal sapore romantico, in cui fosse evidente la mia anima rock…Ci sono riuscita?

Outfit Calzedonia (leggings), Intimissimi (abito e t-shirt), quasi preziosi (Avenida 186), S
Ilvian Heach (high hells)

Questo mio inizio da blogger è un viaggio

Si viaggia senza tempo e per ogni viaggiatore che aspetta il treno giusto ne esiste un altro che ha già raggiunto il proprio obiettivo.
Tutti a trovare il momento giusto, quello unico. E io come tutti.
Ogni momento è quello unico, non ritorna più eppure rimaniamo sempre nella sala d’attesa della vita, mettiamo i sogni nei cassetti, gli scheletri negli armadi e stiamo ad aspettare. Cosa aspettiamo? Se rimaniamo in attesa che anche questa domenica sia unica e speciale, smettiamo di vivere e ci lasciamo trasportare inesorabilmente dal tempo come anime in pena.
Sogniamo troppo spesso a occhi aperti e viviamo a occhi chiusi.
Un paradosso.
Sarebbe tutto molto semplice se riuscissimo a liberare il freno a mano delle emozioni e vivere ogni momento come unico.
E io sono ancora qui davanti al mio notebook e a una pagina nervosamente bianca.
Per ogni pagina rimasta nervosamente vuota c’è un foglio ricolmo di pensieri e cose già dette da ricordare.
Per ogni “si” c’è un “quando”.
Per ogni “se” c’è un “come”.
Per ogni “no” c’è un perchè.
Ma io non lo so… o non ne trovo.
E così passano i minuti e resta tristemente vuota la mia pagina, forse allegramente vuota.
Forse oggi non è giornata.
Forse la nuova idea che aspetto è dietro l’angolo.
Forse arriverà oggi o domani.
Libero il freno a mano e divento una BLOGGER!

leggings, CALZEDONIA
abito chiffon a balze, INTIMISSIMI
T-shirt nera, INTIMISSIMI
scarpe, SILVIAN HEACH
collana di vetro e pelle, SONIA
orecchini, AYALA BAR

IL NEGOZIO DELLE MERAVIGLIE

24 Nov

Queste sere ho rivisto con i miei figli “Mr Magorium e la bottega delle meraviglie”.
Burattini che prendono vita, superpalle che rimbalzano da sole, animaletti di peluche che abbracciano i bambini. Non è un semplice negozio di giocattoli, è un luogo magico dove l’impossibile diventa reale! La bottega è anche un omaggio al realismo e al surrealismo, come l’architettura Art Noveau dell’arredamento o l’enorme versione incompleta dei quadri di Magritte. Insomma, un film fatto per i piccoli, principalmente, ma che si rivela una favola che piace anche ai grandi, soprattutto se non hanno perso la capacità di sognare. A Londra per i bambini c’è Hamleys, un negozio di giocattoli di cinque piani, che non può lasciare indifferenti.
Siete curiosi di conoscere un negozio delle meraviglie a Villafranca di Verona?
Un negozio dove ci si lascia cullare dalla magia di ogni oggetto che in esso è esposto, dalle collezioni di “quasi preziosi”, dai colori delle pietre, dai profumi delle officine olfattive di nicchia.
Un negozio delle meraviglie, in cui sono entrata due anni fa in punta di piedi con la mia solita curiosità verso ciò che è originale, elegante, diverso nel design e autentico nello stile. La titolare è Antonella, una imprenditrice che rischia nelle scelta dei suoi preziosi, che non ama il banale e il classico e si è lanciata in una comunicazione commerciale integrata di sentimenti e emozioni.
I suoi monili parlano di viaggi, di esperienze vissute, di artigiani raffinati, di nasi inebrianti. Arte e sensazioni insieme.
Antonella ha chiamato “Avenida 186” il suo negozio delle meraviglie. Le sono particolarmente affezionata e chi mi segue su facebook lo sa bene: le mie interviste ai designer emergenti partono quasi sempre dai brand che custodisce; nelle mie incurisioni settimanali alla caccia del nuovo, nelle mie perplessità e in questo nuovo percorso di blogger mi ha sempre incoraggiato e stimato.
Siamo a Natale oramai e questa atmosfera si respira già dando un’occhiata veloce alle sue vetrine.
Una occhiata solo veloce? Si rimane incollati a quello che Antonella propone, affascinati da quell’anello fiorito, da quelle pietre a goccia, dai bracciali di pelle e pietruzze che stanno spopolando tra tutte le generazioni, da toni caldi del bronzo e dal tono glitterato dell’argento.
Il mio grazie di cuore per questa nuova avventura è per lei.

Avenida 186 in un click!

Lo stile è la veste del pensiero; e un pensiero ben vestito, come un uomo ben vestito, si presenta migliore.
(Philip Dormer Stanhope Chesterfield).

I gioelli di “Avenida 186” non sono semplicemente accessori, sono “oggetti” da indossare che valorizzano la persona e rendono glamour anche l’outfit più semplice. Lo stile è l’immagine della personalità, regalatevi un “quasi prezioso” o perlomeno toglietevi lo sfizio di una visita nel negozio delle meraviglie. Ne rimarrete incantati.

COMPRARE UN SOGNO? SI PUO’. BASTA…DANIELE.

15 Nov

C’è a Villafranca di Verona un posto magico dove i sogni possono diventare realtà. Un negozio di “quasi preziosi”, che ti cattura per l’eleganza e lo stile di tutto quello che in esso è custodito. La magia di accessori d’autore, di designer emergenti, di stilisti innovativi, preziosi come tesori.
Quando entro da “Avenida 186” mi abbandono alle sensazioni, mi lascio incuriosire da ogni oggetto e la titolare Antonella asseconda pazientemente ogni mia stravaganza e voglia di indiscrezione.
In questo groviglio di piacevoli emozioni, sono rimasta travolta da un brand “made in Italy” artigianale, dove pelle e argento 925% si amalgamano e danno forma a bracciali, collane e borse senza tempo. Daniele Basta, ecco il designer che nelle sue creazioni si spinge sempre oltre la sua passione e la sua creatività; i cui progetti iniziano dalla materia, da ciò che lo circonda, dalla natura e da tutto quello che succede nel mondo e non nella moda, dai suoi stati d’animo. Tutto questo confluisce artisticamente e consapevolmente in un processo di creazione artigianale. Daniele Basta segue passo dopo passo ogni accessorio e punta dritto all’anima di chi vuole regalarsi quelli, che lui chiama “i nuovi gioelli da indossare”.

Radici, tradizione, modernità, sperimentazione, innovazione, proporzione, identità, umiltà, unicità. Questa alchimia di fattori si plasma in ogni sua opera. Perchè di arte stiamo parlando. Ci vuole coraggio, determinazione e passione, bisogna rischiare se si crede davvero in qualcosa. Questa sua linea nasce “realmente” nel 2010, ma dentro di lui c’è sempre stata. Definisce il suo stile come “romantic grunge”, un look ricercato dal sapore vissuto.

Sarà l’eccellenza di un lavoro artigianale “sartoriale”, sarà la semplicità delle linee pulite, saranno quei piccoli dettagli curati che personalizzano ogni accessorio, sarà la singolarità che rende protagonista chi la indossa.
L’unicità in uno stile che appartiene a pochi.
Comprare un sogno? Si può. Vi ho svelato il segreto.

DECOLLETE’…LA CLASSICA: celo o manca?

6 Nov

Alzi la mano chi non ha una decolletè? Quella classica, nera magari, con tacco senza troppe pretese che bene si sposa con ogni look. Che tu sia in jeans, in gonna, in shorts; che tu vada in ufficio, al supermercato, a prendere i figli a scuola; che tu esca con le amiche o col fidanzato…ecco, situazioni sportive non ammesse, la decolletè ti salva l’outfit, ti regala un portamento elegante e ti rende seducente.  Negli anni ’50 le decolletè venivano indossate da donne del calibro di Sofia Loren, Greta Garbo, Ava Gardner, Lauren Bacall e Anna Magnani, giusto per fare qualche nome,  e hanno conosciuto i tempi d’oro della “dolce vita” romana.

La decolletè è “la” scarpa senza tempo, una iniezione di sensuale e contagiosa femminilità!

Celo o manca? Avete risposto alla domanda? IO…manca. Almeno fino a qualche giorno fa. Ho dovuto raggiungere i 37 anni per capire che il mio guardaroba adibito a scarpiera  (oltre 150 paia) non contava tra le “migliori amiche delle donne” una semplice decolletè! Tra pumps con plateau e laccetti, sandali, tacchi 12 con cinturini, ankle boots con borchie, All stars, stivali e ballerine…mancava proprio lei. Bisognava rimediare a questa latitanza o no?

L’oggetto del desiderio!? Una decolletè Laboutin, uhmmm…quella suola rossa mi fa impazzire. La perfezione sarebbe raggiunta; siccome questo tipo di perfezione estetica richiede una perfezione economica stabile e capricciosa, ecco accantonato il sogno di una decolletè da urlo! ahhhhhhhhhhhhhh….ho cercato, ricercato, straricercato ovunque una scarpa che potesse anche solo lontamente assomigliare a una semplice, nuda e cruda decolletè Laboutin!

Dovevo pur avere la mia decolletè! Chissenefrega di questi stilisti di lusso (grrrrr…!balle!), chissenefrega della suola rossa (grrrr!….balle!).

“Se non posso avere quella suola rossa, allora voglio una decolletè rossa” mi sono detta. Colore poco impegnativo che sta bene su tutto e ovunque (balle!).

Tacco comodo, colore scomodo, jeans skinny, camicia bianca, giacca nera macramè, borsa di velluto, una collana gioiello è il gioco è fatto!

Che ne pensate?

Pronta per la “dolce vita” di casa mia e con i miei amici.

Chissenefrega se mai avrò una Laboutin o una Jimmy Choo o una Manolo Blahnik! Non avrò ai piedi le scarpe più desiderate dalla donne, ma mi sento comunque una Cenerentola rock chic!

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

The Spots Hunter

Saves the right places

Amù

Art Moves the World

Barbara Stella-MAKE UP ARTIST-

consulenza d'immagine e make up

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

CookieBeauty

beauty by yourself.