Tag Archives: bijoux

UN REGALO DA SOGNO. UN SOGNO DI REGALO.

10 Set

Declinazinoni cromatiche sulle onde del mare inseguendo l’isola che non c’è.
C’è quell’aria easy chic della Parigi contemporanea.
Preziosi nei materiali, equilibrati nelle proporzioni, creativi nella linea.
Sono i gioielli del brand My Golden Cage
La designer è Maria Elena Pino.
Ho avuto il piacere di conoscerla al Macef lo scorso febbraio e poi, si sa, facebook consente contatti veloci e ho deciso di presentarla a chi mi segue, perchè i suoi gioeilli regalano il piacere della libertà e parlano di lavorazioni artigianali, di storie uniche e fantasiose. Gioielli inimitabili.

206155

Come è’ nata e quando l’ idea di disegnare e realizzare monili?
L’idea di realizzare una mia piccola collezione di bijoux è nata per hobbie, ho iniziato a fare collane specialmente per me e per le amiche; sai io disegno abbigliamento ed i passaggi nella realizzazione di una collezione sono lunghi e spesso quello che tu hai progettato o pensato è lontano dal prodotto finale, avevo bisogno di sfogare la mia creatività diversamente, dovevo creare con le mie mani ed avere così una soddisfazione immediata della mia idea , della mia creazione.

Tre parole per definire i tuoi gioielli.
Appariscenti, Esigenti, Essenziali.

2895133

Qual è il DNA del tuo brand?
Sono assolutamente realizzati a mano, rigorosamente in pelle vera. Adoro questo materiale, lo uso già nell’abbigliamento e lo conosco molto bene: mi piace l’aspetto della pelle così mutevole e sempre molto ricco ed esclusivo. Il mio prodotto si affaccia solo ad una nicchia di costumer che sa dargli il giusto valore.

Come si fa conoscere una giovane stilista?
Ancora non lo so, è difficilissimo farsi strada perchè purtroppo soprattutto in Italia non c’è molto spazio per i giovani e non ci sono nè strutture, nè iniziative per sponsorizzarci. Bisogna darsi da fare, non smettere mai di cercare e bussare alle porte, prima o poi qualcuno ti risponde: io ho iniziato con i mercatini, con il passa parola ed adesso il macef. Spero di poter riuscire a fare fiere anche più importanti all’estero dove c’è più interesse per le nuove idee!!!

Cosa vuoi che emerga dalle tue collezioni?
L’amore con cui le realizzo, la passione per il bello ed il diverso, la voracità di esprimermi, l’idea che va oltre ad un elemento ornamentale ma che già da solo ha una sua tridimensionalità e spazialità.

C’è un monile cui sei particolarmente affezionate? Perché?
Si la prima collana realizzata Anemone, quella che hai preso anche tu, tutte le altre sono sua evoluzione!

f1eddb73-7f2f-4241-8120-a675fa771e07

4cfc828a-af21-43fd-b412-981784ed7e54

Progetti per il futuro.
Di progetti ne avrei tanti in mente. Il mio obbiettivo è riuscire a farmi conoscere all’estero magari partecipando ad una fiera come “Premier class” a Parigi e perché no vedere qualche mio pezzo da Colette!

Se ci credi, si avvera cara Maria Elena. E’ un piacere indossare la tua collana, senza tempo.

PROSSIMA FERMATA: PASSION FORMENTERA

11 Giu

Formentera. Un luogo magico.
Non più forse il posto ideale per fare il Robinson Crusoe, ma l’isola rimane un’approdo magnetico per sognatori e visitatori di ogni dove. Una esplosione di luce in un’atmosfera limpida, dove i venti si alternano a scacciare le nuvole perchè non impediscano al sole di splendere sulle bellissime spiagge dell’isola.
Nel mappamondo l’isola è un punto insignificante, per secoli dimenticata dal resto del mondo, ma un giorno qualcuno se ne ricordò e ora è tra le località turistiche più ambite del mondo.
Ci sono stata tre anni fa e ne sono rimasta stregata.
Autentica, fedele alle sue tradizioni, una trasparenza del mare indimenticabile e una incomparabile sensazione hippy.
….E all’imbrunire diventa un frequentato e caotico bazar fatto di bar all’aperto, artigiani locali e venditori ambulanti.
Avete prenotato o state pensando a un viaggio a Formentera?
E’ obbligatorio portare i miei saluti a Cristina, titolare del negozio “Passion Formentera” (Carrer del Carmen, La Savina presso Talisman).
La Savina è il porto di Formentera, unico punto di entrata e di uscita, quindi ci si passa inevitabilmente.
Cristina con i suoi “quasi preziosi” vi aspetta in un locale dal gusto shabby, per alcuni versi dal sapore etnico e dall’atmosfera raffinata.

foto 2

foto 1

Cosa aspettate? Avete segnato in agenda l’indirizzo?
La magia e il magnetismo del negozio di Cristina non possono che attirare gli spiriti sensibili ai bijoux.
Non vorrete farvi cogliere impreparati nei vostri aperitivi senza un bracciale, un anello, degli orecchini speciali che parlano di voi e della vostra anima modaiola!

foto 3

foto 4

foto 5

QUANDO MENO TE LO ASPETTI…

27 Mag

Avevo promesso i colori…ecco la luce.

WP_20130525_00620130526162141

Succede sempre così nella vita.
Quando meno te lo aspetti fai incontri casuali, che ti creano curiosità.
Sono una come tante di voi che ha bisogno di trovare frequentemente una forma d’arte che mi appaghi.
Quando meno te lo aspetti, navighi nel web e scopri qualcosa che ti piace a prima vista.
Quando meno te lo aspetti, la vita ti presenta le occasioni per mettere nero su bianco una sensazione, una esperienza o semplicemente la possibilità di raccontare di altri attraverso se stessi.
Siamo così circondati da persone neutrali, insipide che se potessimo fare una lobotomia del loro cervello forse riusciremo a capire se i neuroni che occupano lo spazio cranico sono in attesa di uno stimolo, in fila per una monetina di vivacità, oppure in ordine sparso confusi, quasi attoniti e ubriachi di ignoranza, di mal di vivere, di astenia.
Quando meno te lo aspetti, incontri due designers briose, allegre, estrose, che non conosci personalmente, ma ti sono bastati alcuni messaggi per capire che dall’altra parte c’è un mondo straordinario e creativo, dove l’apatia e la disoccupazione mentale non sono di casa.
Sono le persone vivaci, ironiche, sempre pronte a creare, a cambiarsi, a rinnovarsi che mi piacciono.
Quando meno te lo aspetti, incontri dei bijoux quasi etnici, quasi jungle chic, quasi bon ton…ed è in quel “quasi” che soffermo il mio pensiero e la mia immaginazione, lasciando spazio ai quasi preziosi di parlase di sè.
Quando meno te lo aspetti, incontri LUCI DI CARLICE e ti chiedi cosa sia.

479751_369547946483395_1592445437_n

Chi c’è dietro il brand Luci di Carlice?
Due sorelle, Alice e Carlotta, studentesse universitarie, a cui piace interpretare e trasmettere la propria creatività per valorizzare la personalità e il carattere di tutti coloro che amano distinguersi.

Che significato ha il nome del vostro brand e quando nasce?
Nella gioielleria e nella bigiotteria, da sempre, la luce è una componente essenziale per l’esaltazione degli effetti cromatici. E’ evidente che, per ottenere una buona percezione di tutte le particolari sfumature dei componenti di un oggetto, l’ideale è costituito da una luce ad alta intensità e di spettro continuo. Ecco perché abbiamo ritenuto importante, sin dagli inizi risalenti al 2011, utilizzare e inserire la parola “Luci” nel nostro Brand, accompagnato dalla fusione dei nostri nomi.

A cosa vi ispirate nella creazione dei vostri “quasi preziosi”?
Creiamo in base alla nostra personalità. Ogni creazione è una proiezione di noi, del nostro gusto, delle nostre idee e del nostro modo di essere. Esprimiamo i nostri stati d’animo attraverso i colori ed i materiali naturali, con loro associazioni ed i loro poteri che influenzano lo stato psicofisico.

Come si trasformano le idee in progetti concreti?
Tramite il concorso delle idee comuni e della gestione della creatività. Queste attività si concretizzano nella progettazione, nella ricerca dei materiali da utilizzare; da un utilizzo personale degli oggetti prototipo prima, fino alla proposta definitiva al pubblico; dalla corretta presentazione e alla cura delle esigenze particolari che ci vengono richieste.

WP_20130518_008WP_20130518_00820130519154429

Qual è il “quasi prezioso” a cui siete particolarmente legate?
Qui siamo divise. Ad Alice piace in particolar modo un paio di orecchini della prima collezione “Bronze” in Pietra di Sole; ricorda l’Oriente e la sua forza illuminante fonte di energia vitale. Carlotta è legata ad un bracciale “Wrap” in Crisoprasio, una pietra di colore verde che ricorda il rinnovamento ciclico del mondo naturale, che muore per rinascere ogni primavera.

C’è qualche pezzo che vi piacerebbe realizzare, in cui vorreste cimentarvi?
I nostri punti di forza sono bracciali e orecchini, entrambi i più amati. Siamo un po’ “deboli” nella realizzazione di collane, forse per mancanza di ispirazione o canoni di riferimento. Questa può essere la nostra area di miglioramento ed espansione che intendiamo occupare, nel rispetto dei modelli che caratterizzano il nostro stile e interamente made in Italy.

581797_369548189816704_733240633_n

Definite Luci di Carlice in tre aggettivi?
Semplicità , gusto, attenzione.

WP_20130519_006 WP_20130519_012

Progetti per il futuro?
Nessuno in particolare. Realizziamo le nostre idee senza i vincoli e gli opportunismi che normalmente vengono imposti dalle regole dei mercati. La libertà di espressione è un valore a cui teniamo molto e che ci permette di “osare” nuove proposte senza seguire stereotipi. Con un po’ di presunzione, diciamo che preferiamo fare “tendenza” piuttosto che seguirla ed essere quindi protagoniste del Fashion Jewelry. Siamo anche fataliste e crediamo nel percorso naturale degli eventi. Oggi siamo appagate dai continui apprezzamenti e manifestazioni di affetto che ci riservano gli otre 700 amici di Facebook.

WP_20130525_008

LO VOGLIO ANCHE IO!

28 Gen

Sono sempre alla ricerca di quell’idea in più che può cambiare o dare un tono al look. Tutti a comprare le stesse cose, gli stessi marchi, la stessa borsa. Tutti fedeli ai brand commerciali, pronti a coprirsi in un mix&match incasinato di banalità seppure costose. Tutti attenti all’involucro perchè l’abito fa il monaco, attenti a non avere una sbavatura sull’abito e a rimanere nei limiti del decoro comune. Tutti o forse no. Perchè c’è sempre chi esagera con l’oversize, con il troppo che spacca, con la volgarità, con il lusso che acceca. Alcuni o forse no. Sono sempre stata una fautrice del dettaglio che fa la differenza e la differenza la fa l’accessorio: un jeans, una maglia bianca e poi? cosa ti rende unica? cosa può fare realmente la differenza tra te e un’altra?

Sempre attenta al nuovo, al design, al made in Italy preferibilmente.

Adoro i bijoux o quasi preziosi, non amo l’oro invece. Una collana, un bracciale, un orecchino possono fare la differenza e non agli occhi degli altri! Chissenefrega di come ci vedono gli altri e chissenefrega della moda! Shake your mind and find your style…potrebbe essere lo slogan nella ricerca del dettaglio. C’è una persona che riesce sempre a  sorprendermi, scegliendo quel plus che da vivacità o eleganza o glam  o semplicemente unicità: Antonella, sempre quella di Avenida 186 (per dirla alla carlona!).

Oggi passando nel  negozio, dopo la sua retata al Macef di Milano, ho fotografo qualche novità, una ventata di primavera, una sferzata di energia in questa giornata di bianco candore. Ecco qualche dettaglio che aiuta a fare la differenza:

MERCANTIA, il fluo che ritorna!

MERCANTIA, il fluo che ritorna!

IL BELLO di LUCA, i camei dal design originale

IL BELLO di LUCA, i camei dal design originale

AMELIE, gli orecchini rivelazione: prodotti in Italia con tecniche artigianali.

AMELIE, gli orecchini rivelazione: prodotti in Italia con tecniche artigianali.

Lomogram_2013-01-28_07-53-19-PM

La confezione di AMELIE

La confezione di AMELIE

MARY BIJOUX, orecchini in silicone

ILARY BIJOUX, orecchini in silicone

Lomogram_2013-01-28_07-57-18-PM

Inevitabile…lo voglio anche IO!

Lo confesso ho ceduto alla tentazione…vi presento il mio dettaglio che fa la differenza:

AMELIE.....nella tonalità cielo...che sia il colore della mia anima?

AMELIE…..nella tonalità cielo…che sia il colore della mia anima?

Infine, ultima ventata di novità presto in negozio per chi ama il luccichio nel dettaglio…

LES INTERCHANGEABLES....i bracciali dallo spirito rock and glamour

LES INTERCHANGEABLES….i bracciali dallo spirito rock and glamour

Matt on Not-WordPress

Stuff and things.

The Spots Hunter

Saves the right places

Amù

Art Moves the World

Barbara Stella-MAKE UP ARTIST-

consulenza d'immagine e make up

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

CookieBeauty

beauty by yourself.